ANNA CASARA
Protezione della pelle sensibile e riduzione rossore e couperose
Trattamenti e Consulenze Rossore & Couperose

Riconoscere e curare la pelle asfittica

pelle asfittica

In questo articolo parliamo di :

Come riconoscere e curare la pelle asfittica

Ti è mai capitato di sentire parlare di pelle asfittica? Si tratta di una tipologia di pelle le cui caratteristiche principali sono determinate da una cattiva traspirazione dei tessuti e dall’eccesso di sebo. A suo modo, la pelle asfittica è molto problematica e causa numerosi inestetismi. Imparare a riconoscerla è il primo passo per definire una skin care per rimediare alle imperfezioni.

Cos’è la pelle asfittica

La pelle asfittica è una variante mista di pelle grassa e pelle secca. Non fa parte delle tipologie formalmente riconosciute di pelle, che, oltre a essere grassa e secca, è definibile anche mista e sensibile.

La pelle asfittica è sensibile e in superficie appare secca, dal colorito grigio o addirittura giallo, priva di luminosità. Nonostante questo, non traspira a sufficienza: gli inestetismi della pelle del viso ci sono e sono anche evidenti. Al di là della secchezza superficiale, devi combattere contro comedoni, brufoli e pori dilatati.

Pelle asfittica cause: quali sono?

I problemi della pelle asfittica derivano dall’eccesso di sebo prodotto dalle ghiandole sebacee, a cui si deve aggiungere il fisiologico deposito dei cheratinociti nello strato corneo dell’epidermide.

Immagina, la superficie più esterna dell’epidermide, lo strato corneo, in cui si trovano le cellule che andrebbero eliminate dalla desquamazione. Queste sono tenute insieme dai lipidi che formano quel film protettivo nei confronti degli agenti esterni.

Mescolata alla componente acquosa, la componente grassa del film lipidico è costituita dal sebo, che non è solo un male, anzi! Oltre a proteggere la pelle dalle aggressioni di batteri e funghi, normalmente il sebo contiene anche le sostanze antiossidanti, come vitamina E e coenzima Q10, che alla pelle servono per mantenersi morbida ed elastica.

Se il sebo è prodotto in maniera eccessiva, allora ecco che contribuisce, assieme ai cheratinociti, a ostruire i pori della pelle. La mancanza di traspirazione:

  • impedisce la giusta idratazione dell’epidermide;
  • crea la situazione ideale di proliferazione dei batteri, tra cui il Cutibacterium acnes, responsabile della comparsa dei brufoli;
  • dà alla pelle un colorito malsano;
  • causa la fastidiosa sensazione di pelle che tira.

Ma cosa determina questa secrezione anomala di sebo? Le sue principali cause sono:

  • ormoni, soprattutto androgeni;
  • alimentazione poco equilibrata, troppo ricca di zuccheri e grassi;
  • stress, utilizzo di farmaci;
  • predisposizione genetica;
  • utilizzo di cosmetici non adatti al proprio tipo di pelle;
  • esposizione a vento, freddo e sole.

Si può quasi dire che la sensibilità della pelle asfittica sia paragonabile a chi soffre anche di couperose e ha bisogno di una beauty routine viso pensata appositamente per trattare una pelle con molte criticità.

Detergente Calmy

LEGGERO E NUTRIENTE PER CALMARE LA PELLE SENSIBILE
  • Creato appositamente per eliminare le impurità profonde e migliorare la barriera protettiva delle pelli sensibili
  • Azione calmante e lenitiva grazie agli estratti di Camomilla e Mandorle Dolci
  • Deterge la pelle, donando alla cute luminosità e nutrimento

Pelle asfittica rimedi: i più efficaci

La pelle asfittica va trattata con la sua beauty routine, da seguire passo passo e giorno dopo giorno. Può capitare che la pelle da grassa o secca diventi asfittica per la ragioni che abbiamo da poco elencato.

I suoi equilibri sono molto instabili e bisogna “ascoltarla”: non curandola o curandola male, la situazione peggiora. Ecco le azioni che fanno da rimedio efficace agli inestetismi del viso tipici della pelle asfittica:

  • pulire: utilizza detergenti delicati, utilizzando prodotti specifici, evitando assolutamente le normali saponette, perché sono troppo “sgrassanti”;
  • idratare: l’idratazione deve essere leggera, per cui lascia perdere le formulazioni troppo ricche di oli e burri;
  • equilibrare: come trattamento speciale, applica maschere oppure sieri che contengano elementi purificanti, astringenti e antisettici, come acqua di lavanda oppure olio essenziale di tea tree;
  • lenire: utilizza tonici, quindi acque vegetali, dalle proprietà lenitive (camomilla, hamamelis e rosa sono alcune delle più indicate).

Per finire, altri due consigli: non considerare prodotti con siliconi e derivati del petrolio, perché ostruiscono maggiormente i pori; una volta a settimana, fai uno scrub viso delicato, per rimuovere le cellule morte e pulire la pelle più in profondità, ma senza aggredirla.

Seguendo questa routine, vedrai la tua pelle migliorare giorno dopo giorno.

Articoli del Blog

Imparare ad ascoltare i segnali della pelle viso

Imparare ad ascoltare i segnali della pelle viso La pelle del viso dice molto di …

Leggi tutto

Cosa sono e come prevenire le macchie senili

Cosa sono e come prevenire le macchie senili Quando l’età avanza, la pelle delle zone …

Leggi tutto

Cos’è e perché usare il siero viso pelle mista

Cos’è e perché usare il siero viso pelle mista Qual è la funzione di un …

Leggi tutto

Cos’è e come si misura il pH della pelle

Cos’è e come si misura il pH della pelle Cos’è il pH della pelle? Lo …

Leggi tutto